Winamp Logo
Tracce Cover
Tracce Profile

Tracce

Italian, Investigative journalism, 1 season, 30 episodes, 12 hours, 2 minutes
About
Ogni azione porta a una conseguenza e non c'è nulla che non si possa ricostruire. Che sia un efferato omicidio o una brutale aggressione, la scena di un crimine ha sempre molto da raccontare per chi sa leggere le tracce.
Episode Artwork

Delitto Molinari, il mistero della donna uccisa e privata delle mani

Carla Molinari aveva 82 anni quando fu trovata uccisa, nella sua camera da letto, a Cocquio Trevisago, un piccolo Comune in provincia di Varese. Fin da subito la polizia dovette lavorare duramente per spiegare non solo il delitto ma un preciso mistero: la donna era stata mutilata delle mani, che non furono mai più ritrovate. Si pensava fosse rimasta vittima di una rapina finita male ma quest’ipotesi fu esclusa quasi subito. Nella villetta che la donna viveva da sola, non essendosi mai sposata, non mancava nulla. Era il 5 novembre 2009: quel pomeriggio la signora Molinari, come ogni settimana, sarebbe dovuta andare a giocare a carte con delle amiche che, non vedendola arrivare, si insospettirono. Prima ancora del suono delle sirene di polizia e ambulanza, a rompere la tranquillità di un piccolo Comune di provincia furono le urla di chi, cercando la donna si imbatte nel suo cadavere. Nel corso del sopralluogo la polizia repertò alcuni mozziconi di sigaretta, tutti di marche diverse. Condizione questa che risultò fin da subito strana, poiché nell’abitazione non era stato trovato alcun posacenere. E questo perché, come emerse poi da alcune testimonianze, la vittima non fumava e non consentiva a nessuno di fumare all’interno della propria abitazione. Di chi erano allora quei mozziconi? E perché furono trovati in diverse stanze? Ma soprattutto perché alla donna furono tagliate le mani? Dopo mesi di indagini serrate fu arrestato un uomo, poi condannato in via definitiva all’ergastolo. Si chiamava Giuseppe Piccolomo. Con il dottor Roberto Giuffrida, della polizia Scientifica di Milano, ripercorriamo questo mistero d’Italia, poi risolto grazie anche all’analisi di tracce e dettagli trovati sulla scena del crimine.
4/11/202426 minutes, 40 seconds
Episode Artwork

Tracce - Delitti imperfetti: arriva la seconda stagione - TEASER

Il delitto perfetto non esiste: parlano i corpi delle vittime e parlano anche le scene del crimine. Ma soprattutto vale un principio: chiunque entri in posto o tocchi qualcuno lascia una traccia di sé e si porta via qualcos'altro. A ricordarcelo fu, nella precedente stagione di Tracce - un podcast de Il Messaggero su casi riaperti e risolti grazie all'analisi dei dettagli - un'investigatrice che riassunse il pensiero del criminologo francese Edmond Locard: "Chi commette un crimine lascerà sempre sulla scena qualcosa di sé". In questa nuova stagione racconteremo otto casi, delitti e misteri d'Italia non sempre elevati agli "onori" delle cronache nazionali ma importanti a spiegare quanto e come l'investigazione classica unita a quella scientifica può arrivare a spiegare il chi ed anche il perché.
4/4/20242 minutes, 12 seconds
Episode Artwork

Yara Gambirasio - più di 20mila prelievi di Dna per arrivare a Bossetti

Sono le 19.30 del 26 novembre 2010 quando a Brembate di Sopra, in provincia di Bergamo, una ragazzina di 13 anni cammina sotto la neve. Sta tornando a casa dopo aver portato alla scuola di danza un registratore. Di lei quel pomeriggio si perderanno le tracce: scomparsa nel nulla. Nessuno la vede, nessuno la sente. Tre mesi più tardi il suo corpo verrà trovato in un campo lontano circa 12 chilometri dal luogo della scomparsa. Non ci sono dubbi che sia lei anche se il tempo, la neve, la pioggia e i roditori ne hanno brutalmente distrutto l'immagine. Come ci è finita lì, in quel campo, Yara? Le indagini coordinate dalla Procura di Bergamo saranno condotte dal Ris di Parma e dal colonnello Giampietro Lago, oggi a capo del Reparto delle investigazioni scientifiche dell'Arma dei carabinieri. Le verifiche e le ricostruzioni saranno lunghe e complesse ma attraverso una raccolta di tracce biologiche ed ematiche da parte di oltre 20 mila persone, che a titolo volontario si misero a disposizione per rintracciare l'assassino, si arriverà alla svolta. Sul corpicino di Yara il suo carnefice aveva lasciato delle tracce ma per mesi è rimasto solo "Ignoto 1". Fino a che, però, proprio grazie ad un confronto mastodontico e una ricerca sempre tesa al risultato si arriverà a fermare e ad arrestare Massimo Bossetti, condannato in via definitiva all'ergastolo.
6/14/202246 minutes, 52 seconds
Episode Artwork

Ombre e misteri: il caso Elisa Claps

Era una domenica, quel 12 settembre 1993, quando da Potenza, una giovane ragazza di appena 16 anni, Elisa Claps, scompare nel nulla. Il suo corpo verrà trovato 17 anni dopo nascosto nel sottotetto della chiesa Santissima Trinità nel capoluogo della Basilicata. Le ricerche e le indagini partirono a poche ore dalla scomparsa e nonostante gli anni, l'uomo considerato il suo assassino, Danilo Restivo, è stato condannato in via definitiva. Ma per ricostruire il caso fu necessario dissipare un porto di nebbie, sostituire periti e ripartire con le indagini da capo. Quando il corpo fu trovato, di esso non restava altro se non un cumulo di ossa e capelli. Anche i vestiti si erano quasi completamente deteriorati, e per analizzare le tracce sulla maglia che la ragazzina indossava quel giorno, il lavoro fu complicatissimo: toccare le fibre per gli investigatori significava restare con un pugno di polvere in mano. Ma il Ris di Parma, guidato oggi dal colonnello Giampietro Lago, riuscirono a trovare elementi sufficienti ad accusare Restivo della morte. Proprio Lago effettuò le indagini e ripercorre oggi un caso, tra i più noti e conosciuti d'Italia. Un mistero durato 17 anni che tuttavia sarebbe potuto essere risolto in pochissimo tempo.
6/7/202241 minutes, 33 seconds
Episode Artwork

La misteriosa scomparsa di Francesca Benetti - Seconda parte

A cinque giorni dalla scomparsa di Francesca Benetti, a Gavorrano, in provincia di Grosseto arrivarono i carabinieri del Ris di Roma. Era il 9 novembre 2013 e di quella donna, all'epoca 55enne, si erano perse le tracce da cinque giorni. Nessuno l'aveva più sentita dalla mattina del 4 novembre ma i militari del Nucleo Investigativo del comando provinciale di Grosseto iniziarono subito a sospettare - in base alla denuncia presentata dal compagno della donna - che nella scomparsa fosse coinvolto il fattore della tenuta Benetti, Antonio Bilella. Il suo coinvolgimento che porterà l'uomo ad essere condannato all'ergastolo verrà accertata anche dalle analisi e dalle verifiche del Ris di Roma. Questa è la seconda ed ultima puntata su un caso che sconvolse il grossetano: il corpo della Benetti non fu mai ritrovato. A raccontare oggi l'attività investigativa scientifica è il Maggiore Cesare Rapone, del Ris di Roma
5/24/202227 minutes, 44 seconds
Episode Artwork

La misteriosa scomparsa di Francesca Benetti - Prima parte

Francesca Benetti era un'insegnante di educazione fisica e quando scomparve nel nulla aveva 55 anni. Una donna di cultura, di bell'aspetto che dopo la scomparsa del marito si trasferì a Follonica dalla Lombardia. Aveva due figli, un nuovo compagno e una proprietà con 40 ettari di terreno ereditata in provincia di Grosseto. Da qui scomparve la mattina del 4 novembre 2013. Di lei non si è saputo più nulla né si è mai ritrovato il corpo. All'anagrafe di Follonica è ancora registrata come "persona scomparsa" ma un uomo, Antonio Bilella, di circa vent'anni più grande di lei è stato condannato in via definitiva all'ergastolo per il suo omicidio. In questo nuovo podcast di "Tracce" racconteremo con il Nucleo investigativo del comando provinciale di Grosseto quella misteriosa scomparsa e i protagonisti rimandando ad una nuova puntata le analisi compiute dal Ris di Roma in quella tenuta e non solo che servirono a suffragare l'impianto accusatorio dei confronti del Bilella, all'epoca custode della proprietà, che dopo essersi innamorato della donna e dopo esser stato rifiutato premeditò accuratamente il suo omicidio e l'occultamento del cadavere, tutt'oggi ricercato.
5/17/202233 minutes, 2 seconds
Episode Artwork

Erika, Omar e quelle 97 coltellate

E' passato alla storia come il delitto di Novi Ligure compiuto da due adolescenti, Erika De Nardo e Mauro Favaro detto Omar, che in una sera d'inverno - era il 21 febbraio 2001 - uccisero barbaramente la madre e il fratellino di lei. C'è un numero a sintesi dell'efferatezza mostrata dalla giovane coppia di fidanzatini: è il numero 97. Tante le coltellate che complessivamente furono inferte alle vittime. da allora sono passati 21 anni, via Don Beniamino Dacatra non si chiama più così, il suo nome oggi è via Caduti di Nassirya come se in un certo qual modo si sia voluto - o anche solo provato - a cancellare il ricordo di quella strage. Una strage, come ripercorre oggi il colonnello Giampietro Lago a capo del Ris di Parma, il reparto delle investigazioni scientifiche dell'Arma dei Carabinieri, maturata all'interno di un contesto sociale apparentemente “sano” e probabilmente proprio per questo difficile da spiegare. Dirimenti all'epoca furono le indagini del Ris sulla scena del crimine che per la prima volta, nella storia delle investigazioni scientifiche, adottò una particolare tecnica di analisi per accertare le singole responsabilità dei due fidanzatini durante quella feroce mattanza.
5/3/202240 minutes, 18 seconds
Episode Artwork

Roma, quartiere Prati: il delitto dell'orafo Giancarlo Nocchia

Roma, quartiere Prati: il delitto dell'orafo Giancarlo Nocchia. Il pomeriggio del 15 luglio 2015 il gioielliere Giancarlo Nocchia, 70 anni, era nel suo laboratorio in via dei Gracchi. Stava sistemando dei conti e dei preziosi quando quello che sembrava un cliente bussò alla porta. L'orafo aprì ma dopo pochi minuti fu barbaramente aggredito e colpito alla testa con un oggetto che non fu mai trovato. Una violenza feroce che non gli lasciò scampo. Quel presunto cliente era un rapinatore, Ludovico Caiazza, 33enne all'epoca dei fatti, che già vantava un corposo curriculum criminale. Dopo l'aggressione il Caiazza fuggì con la refurtiva: bracciali, orecchini, collane per un valore complessivo di 200 mila euro. Il rapinatore, tuttavia, compì dei "passi falsi" disseminando le sue impronte sulla vetrina all'ingresso del negozio. Grazie a quelle tracce, esaminate dalla sezione impronte del Ris di Roma, i carabinieri del comando provinciale riuscirono a fermare e ad arrestare l'uomo appena tre giorni più tardi. Caiazza però non fu mai processato poiché si tolse la vita in carcere. A ripercorrere quel delitto, che sconvolse un intero quartiere della Capitale, è oggi il tenente colonnello Giampaolo Iuliano, comandante della sezione impronte del Ris di Roma
4/26/202213 minutes, 14 seconds
Episode Artwork

Uccisi e gettati in discarica: la strage della famiglia Carretta

E' il pomeriggio del 4 agosto 1989 quando Giuseppe Carretta, contabile di una nota società di Parma, varca la soglia del magazzino per prendere alcune scatolette di tonno per la cena. La sua famiglia è pronta a partire per le vacanze estive ma il figlio più grande, Ferdinando, gli spara uccidendo poi anche la madre e il fratello più piccolo. Il carnefice, all'epoca ventisettenne, metterà i corpi dei suoi familiari nella vasca da bagno per pulirli, provando poi a seppellirli tra gli argini del fiume. Non ci riuscirà poiché verrà disturbato da una coppietta che si era appartata in auto. Così cambierà piano e abbandonerà i corpi dei suoi genitori e del fratello minore in discarica: i loro resti non verranno mai ritrovati. Ferdinando Carretta si dà alla fuga e per un decennio vivrà nel Regno Unito fino a quando verrà arrestato, dopo un controllo, e una confessione spontanea resa alla stampa che riaprirà il caso. Ed è così che i militari del Ris di Parma, il reparto delle investigazioni scientifiche dell'Arma dei Carabinieri, torneranno in quell'appartamento degli orrori e smonteranno, pezzo dopo pezzo, il bagno per trovare le tracce utili ad avvalorare la confessione di Ferdinando Carretta. A ripercorrere il caso è oggi il Colonnello Giampietro Lago, comandante del Ris di Parma.
4/19/202233 minutes, 11 seconds
Episode Artwork

Desirée Mariottini, l'omicidio nel palazzo degli orrori a San Lorenzo

Quattro anni fa e il ricordo di un orrore che non tende a affievolirsi. E' ancora tutto lì: negli occhi e nella memoria di chi varcò la soglia di quel cancello arrugginito chiuso dai lucchetti nel cuore del quartiere San Lorenzo, a Roma, la notte del 18 ottobre 2018 scoprendo il cadavere di una 16enne lasciata morire dopo ripetuti abusi sessuali e un mix di droghe di cui non si ha traccia neanche in letteratura scientifica. "Un girone dantesco" dentro cui "nessun investigatore vorrebbe trovarsi" ricorda oggi la dottoressa Pamela Franconieri, a capo della IV sezione della Squadra Mobile di Roma, specializzata in reati sessuali. Desirée era un'adolescente con i suoi problemi e le sue paure. Era scappata di casa da Cisterna di Latina, una cittadina a 70 chilometri dalla Capitale, arrivando in via dei Lucani 22 dove, in un complesso edilizio abbandonato, ma protetto da alti muri e cancelli invalicabili, fiorente andava avanti da tempo un'attività di spaccio e consumo di stupefacenti. La sedicenne varca quel cancello e da lì non ne uscirà più. Con la dottoressa Franconieri si ripercorrono oggi le tappe di quel delitto, i dettagli e le tracce, le testimonianze che portarono poi gli agenti della Mobile ad arrestate quattro uomini che saranno processati e condannati per la morte della ragazzina.
4/12/202230 minutes, 58 seconds
Episode Artwork

Donato Bilancia, la storia del killer di prostitute e non solo

Diciassette omicidi e un tentato omicidio "collezionati" nell'arco di pochi mesi, tra la fine del 1997 e l'inizio del 1998, che sconvolsero il Paese. Perché il Liguria e più in generale nel basso Piemonte, si capì che era entrato in azione un killer seriale. Tra le prime vittime ci furono delle prostitute ma poi la scia di sangue si allargò inspiegabilmente a bordo dei treni, seminando il panico. Perché a morire senza un perché (non ce n'è mai uno in realtà tale da sopportare e giustificare un omicidio) fu una baby-sitter e un'infermiera. A pochi giorni dall'ultimo efferato delitto, il killer delle prostitute o il mostro del treno, come fu soprannominato, venne arrestato. Si chiamava Donato Bilancia e a ricondurci oggi sulle tracce di quei delitti, di come furono compiuti e di come si arrivò alla svolta, è il colonnello Giampietro Lago, a capo del Ris di Parma.
4/5/202247 minutes, 35 seconds
Episode Artwork

Vibo Valentia, sette colpi per ripagare uno sgarro - l’omicidio di Francesco Fiorillo

Sembrava essere stato un agguato di ‘ndrangheta: sette colpi esplosi da due pistole che la sera del 15 dicembre 2015 ferirono a morte nella piccola località di Longobardi, nel Vibonese Francesco Fiorillo, un uomo che però non era “affiliato” a nessuna famiglia. Fiorillo spacciava droga di fronte al liceo classico di Vibo Valentia ma era solito anche irretire minorenni. Ed è qui che si annida il movente di un brutale omicidio. A ripercorrere quel caso, che fu in parte risolto anche grazie ad un guanto di lattice trovato sulla scena del crimine, è il dottor Gianni Albano, capo della Squadra Mobile di Vibo Valentia
3/30/202215 minutes, 27 seconds
Episode Artwork

La mattanza di Torpignattara

Quartiere di Torpignattara, in via Alò Giovannoli ancora oggi qualcuno ricorda quel bagno di sangue, un duplice omicidio tra i più crudeli avvenuti nella Capitale perché ad essere ammazzati, durante una rapina, furono un commerciante cinese Zhou Zeng e sua figlia Joy di appena nove mesi. Morirono sul colpo dopo che uno dei rapinatori, estratta una pistola per intimidire e spaventare, sparò ferendoli a morte. La mattanza di Torpignattara fu chiamata così. A poche ore dal delitto si ipotizzò di tutto, addirittura che dietro questa rapina ci fosse la mafia cinese considerata la nazionalità delle vittime e anche il quartiere dove si consumò il duplice omicidio. Ma nulla di tutto questo: si trattò di una rapina finita in tragedia. A ripercorrerla oggi è il tenente colonnello Giampaolo Iuliano, a capo della Sezione "Impronte" del Ris dei carabinieri di Roma. A essere ripercorsa tutta l'attività investigativa che tramite un'intuizione e l'analisi di alcune tracce di sangue portò ad identificare gli artefici.
3/22/202215 minutes, 25 seconds
Episode Artwork

L'omicidio Schiesaro - Sessanta coltellate e un assassino trovato dopo 20 anni

Era un ferroviere in pensione, Antonio Schiesaro, trovato seminudo e riverso sul letto del suo appartamento a Verona il pomeriggio del 29 maggio 2001. L'uomo era stato ucciso diverse ore prima con delle forbici trovate poi nel bagno dentro una bacinella con acqua e candeggina ma per individuare il suo assassino ci vollero vent'anni. Perché Schiesaro fu ucciso? Nel 2001 avrebbe dovuto compiere 70 anni, non era sposato né aveva figli. A riempire la sua vita erano degli incontri occasionali con uomini a cui offriva oltre al denaro, anche vitto e alloggio, conosciuti nei giardini di fronte alla stazione. A dare l'allarme all'epoca fu la collaboratrice domestica di Schiesaro che bussando senza ricevere risposta, quel pomeriggio, allertò le forze dell'ordine. Le indagini furono condotte dalla Squadra Mobile di Verona che riuscì a rintracciare l'assassino dopo vent'anni grazie anche all'istituzione della banca dati del Dna e all'evoluzione delle tecniche di analisi e di verifica della polizia Scientifica. Oggi a ripercorrere quel brutale omicidio è il dottor Massimo Sacco, dirigente della Squadra Mobile di Verona.
3/8/202222 minutes, 21 seconds
Episode Artwork

Margherita ammazzata e chiusa in un bara, il corpo scoperto dopo cinque anni

Maggio 2017, periferia di Bari: in un vecchio edificio un gruppo di ragazzi scopre uno scheletro, a chi appartiene e da quanto è lì, nascosto in una sorta di bara costruita con legno e plastica? A indagare è la Squadra Mobile di Bari che arriverà a dire come quel corpo appartiene a una donna polacca, Margherita Zlezak, classe 1962, ammazzata di botte dal suo compagno, Ignazio Piumelli, attualmente sotto processo con l'accusa di omicidio. Per risalire però all'identità della vittima il lavoro fu complesso dal momento che Margherita, quando ancora era in vita, fu foto-segnalata con tre diverse identità. A mettere ordine sulle "tracce" di quel delitto, compiutosi nel 2012 e scoperto cinque anni più tardi, è oggi il dottor Filippo Portoghese, capo della Squadra Mobile di Bari.
3/1/202213 minutes, 53 seconds
Episode Artwork

Torino, l'omicidio di Alberto Musy, chi era "casco" l'uomo che lo uccise?

E' la mattina del 21 marzo 2021 e in via Barbaroux 35 vengono esplosi in successione quattro colpi di pistola. Accasciato sotto il portone di casa, c'è Alberto Musy, la vittima: l'uomo è un consigliere comunale, un avvocato, un docente universitario. Personalità in vista a Torino. Quella mattina Musy aveva da poco accompagnato le figlie a scuola e, come accerteranno gli investigatori, nella sua vita non c'erano "macchie" od "ombre" che potessero spiegare quell'esecuzione. Eppure Musy è stato colpito a distanza ravvicinata da diversi colpi di pistola. Morirà alcuni mesi dopo senza poter dire nulla. Ad ammazzarlo un uomo con il volto travisato da un casco integrale nero con una scritta bianca sul retro. Perché lo ha fatto? A seguire il caso, la Squadra Mobile di Torino che pezzo dopo pezzo, senza avere l'arma "fumante" o una confessione o una testimonianza schiacciante, rimetterà comunque in fila tutti i dettagli dell'omicidio arrivando anche a dare un'identità all'uomo con il casco e a spiegare il movente. A ripercorrere i dettagli di quell'indagine, il dottor Luigi Mitola, capo della Squadra Mobile di Torino e all'epoca dei fatti dirigente della sezione Omicidi.
2/23/202232 minutes, 49 seconds
Episode Artwork

Uccide la moglie ad Oslo e diventa latitante, rintracciato grazie agli indirizzi IP e alle connessioni web

E' il 2013 quando ad Oslo si consuma un terribile delitto: un cittadino afghano Noori Ahamad taglia la gola alla propria moglie, di soli 17 anni, poi fugge in giro per mezza Europa con la figlioletta di due anni. Dalla Norvegia a Roma, l'uomo viene rintracciato dalla polizia a Tor Pignattara, nei pressi di un internet point. A tradirlo sono state le tracce che l'uomo ha lasciato provando a contattare amici e parenti durante la fuga. E' infatti grazie alle "connessioni" e agli indirizzi Ip che gli agenti della terza divisione del servizio centrale della polizia postale e delle comunicazioni individuano l'uomo. Il racconto del dirigente, Ivano Gabrielli.
2/15/202213 minutes, 17 seconds
Episode Artwork

Lanciano, quella rapina maledetta ai coniugi Martelli

Era il settembre del 2018 quando Carlo Martelli si sveglia nel cuore della notte perché sente dei rumori in casa. Crede sia la moglie, che dorme in un’altra stanza e che forse si è alzata per bere o andare in bagno ma invece scopre che nella loro villetta è entrata una banda di rapinatori. Sette uomini tutti giovanissimi che lo terranno in ostaggio per due ore, picchiandoli ferocemente. Cercavano una cassaforte ma in casa non ce ne erano. Non contenti i malviventi taglieranno perfino il lobo di un orecchio alla signora Martelli. Chi condusse le indagini, repertò gli elementi, le tracce trovate in casa, parlò di una rapina che superava Arancia Meccanica. Con Daniela Scimmi, biologa della Polizia Scientifica torniamo a quel settembre e a tutti i dettagli che portarono alla condanna dei rapinatori.
2/8/202222 minutes, 21 seconds
Episode Artwork

Sequestro Pinna, la svolta nella perizia grafologica

Sedici anni fa un imprenditore agricolo, Giovanni Pinna, fu sequestrato in provincia di Sassari, dopo una prima richiesta di riscatto arrivata alla famiglia la sera stessa del rapimento per mesi calò il silenzio. A tal punto da ipotizzare che Pinna fosse stato ucciso. Poi la svolta, tramite un messaggio scritto sulla prima pagina dell'Unione Sarda e indirizzato alla famiglia. Ma era stato proprio Pinna a scriverlo? Le analisi grafologiche della polizia di Stato chiarirono la paternità di quella frase e di lì a poco arrivò dopo mesi di calvario l'imprenditore riuscì a tornare a casa
2/1/202210 minutes, 34 seconds
Episode Artwork

Via D'Amelio - la ricostruzione della strage

E' il pomeriggio del 19 luglio 1992 quando circa 90 chili di esplosivo vengono azionati a Palermo, in via D'Amelio, nell'attentato in cui perse la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta. Dov'era la bomba? Esisteva davvero la Fiat 126? Come fu azionato l'ordigno? Per anni le fasi dell'attentato sono state al centro di innumerevoli riflessioni. Oggi Paolo Egidi, responsabile dell'area residui delle esplosioni della polizia scientifica, spiega come andò. Come fu ricostruita, da un punto di vista tecnico, la cornice dell'attentato che sconvolse il Paese.
1/26/202223 minutes, 6 seconds
Episode Artwork

L'incendio che rischiò di distruggere la Sindone - Le fiamme partite da un fornellino

È il 1997 quando dalla Cappella del Guarini nel Duomo di Torino divampa un incendio che mette a rischio la Sindone, il lenzuolo che secondo la tradizione avvolse il corpo di Cristo. Fu un rogo devastante a pochi mesi di distanza da quello che distrusse la Fenice di Venezia. Miracolosamente anche grazie ad uno spostamento della Sindone la reliquia fu tratta in salvo e non subì danni ma cosa generò quel rogo? All'inizio si parlò di un attacco terroristico ma la realtà fu un'altra, più semplice. E a raccontarla oggi è la dottoressa Antonietta Lombardozzi, primo dirigente tecnico della polizia di stato direttore della terza divisione della polizia scientifica, responsabile di tutta la parte di accertamenti forensi che hanno come argomento la chimica e la biologia sia a livello centrale che territoriale. All'epoca dei fatti la dottoressa Lombardozzi era una giovane funzionaria addetto alla sezione che si occupa di incendi ed esplosivi ed era entrata in polizia da appena 4 anni. Fu svegliata, la mattina seguente al rogo, dal suo superiore. Partì da Roma e arrivò a Torino: doveva restare pochi giorni che divennero poi tre mesi. Di quelle fasi e di quell'indagine, che portarono poi alla condanna di 4 persone, ricorda tutto, compresa la solidarietà dei torinesi che per giorni rimasero lì in piazza San Giovanni.
1/18/202233 minutes, 2 seconds
Episode Artwork

Disastro del Cermis - 24 anni dopo il racconto del medico legale

Il prossimo 3 febbraio saranno trascorsi 24 anni dal disastro del Cermis non lontano da Cavalese quando una cabina precipitò dopo che un aereo statunitense, volando a una quota inferiore rispetto a quella consentita, tranciò i cavi dell'impianto sciistico di risalita. A morire sul colpo furono 20 persone, compreso il macchinista. Fortunatamente non c'erano bambini o minori a bordo ma le operazioni di recupero e di identificazione delle vittime furono molto complesse. Ci vollero infatti tre giorni per dare a ognuno di quei corpi un nome e un cognome e oggi Dino Mario Tancredi, dirigente della sezione di Medicina legale e psicologia applicata alla criminalistica della polizia scientifica ricorda quella tragedia e il lavoro svolto al cimitero di Trento.
1/11/202216 minutes, 34 seconds
Episode Artwork

Breaking bad all'Italiana - il primo laboratorio della Ghb scoperto dalla polizia

Era il 2007 quando al pronto soccorso di una cittadina in provincia di Latina, arrivarono alcuni ragazzi, uno anche in gravi condizioni. Gli era stata data e alcuni avevano assunto deliberatamente quella che è conosciuta come droga dello stupro. Da lì la polizia risalì al primo laboratorio artigianale di produzione messo in piedi da un italiano che la droga la produceva per abusare di minori ma anche per venderla. A raccontare quel caso - e l’indagine che ne seguì - è Serena Detti, direttore della sezione sostanze psicotrope e stupefacenti della terza divisione della polizia scientifica.
1/4/202219 minutes, 1 second
Episode Artwork

«Gettale l'acido sul volto e spezzale la schiena» - Ingaggia un sicario sul dark web per punire l'ex

E' febbraio quando un uomo di 37 anni, manager di una grande azienda, decide di organizzare un piano folle e criminale: punire l'ex ragazza di dieci anni più giovane trovando sul dark web un sicario. Per settimane il professionista ha chattato con l'aggressore spiegando cosa avrebbe dovuto fare e come. La sua ex compagna non doveva morire ma doveva essere sfregiata con l'acido e le doveva essere spezzata la colonna vertebrale simulando una rapina. Il piano viene intercettato dalla polizia tedesca e demandato alla polizia postale che si mette sulle tracce del 37enne, che verrà poi arrestato, mentre la vittima, di dieci anni più giovane, sarà messa in salvo. A raccontare questa terribile storia è oggi Ivano Gabrielli, primo dirigente della polizia di Stato e direttore della terza divisione del Servizio centrale della polizia postale e delle comunicazioni.
12/28/202124 minutes, 3 seconds
Episode Artwork

Melissa Bassi, vent'anni dopo - Chi era l'attentatore dell'esplosione alla scuola di Brindisi

Giovanni Vantaggiato il 19 maggio 2012 fece esplodere una bomba artigianale nascosta nel cassonetto dei rifiuti di fronte all'istituto superiore Francesca Morvillo di Brindisi. Quell'uomo aveva creato un ordigno perfetto che uccise la 16enne e ferì gravemente altri dieci ragazzi. Ma perché compì quel folle gesto? Con Paolo Egidi, commissario tecnico della polizia di Stato impiegato nella Scientifica e responsabile dell'area residui delle esplosioni, ricostruiamo il perché.
12/21/202121 minutes, 47 seconds
Episode Artwork

L'omicidio di Sara Di Pietrantonio - Ad incastrare Paduano il Gps dell'auto

E' la notte tra il 28 e il 29 maggio 2016 quando gli agenti di polizia trovano abbandonato in un campo su via della Magliana il cadavere semicarbonizzato di una donna di 22 anni. E' il corpo di Sara Di Pietrantonio prima strangolata e poi bruciata dall'ex fidanzato Vincenzo Paduano, 27enne all'epoca dei fatti, e condannato poi all'ergastolo. L'uomo non sopportava la fine della loro relazione e quella dopo averla seguita la uccide al termine dell'ennesima discussione. La prima, dopo mamma Tina, ad arrivare sul posto è la dottoressa Maurizia Quattrone, all'epoca vice capo della sezione criminalità organizzata della Squadra Mobile di Roma che quella notte era in servizio come funzionario reperibile. Di quella notte, dopo 5 anni, ricorda tutto: la prima telefonata, la corsa verso la Magliana, l'auto della ragazza ancora avvolto dalle fiamme e il suo corpo brutalmente sfigurato da chi voleva cancellarla e non solo ucciderla. Iniziano così le indagini e il cerchio da subito si stringe su Paduano ma sarà un dettaglio, recuperato dalla sua auto, a inchiodarlo.
12/15/202121 minutes, 55 seconds
Episode Artwork

Giusy Potenza, l'orrore di un omicidio per un amore sbagliato

Era la notte del 12 novembre 2004 quando Giusy Potenza, una ragazzina di appena 15 anni, fu ritrovata morta su una scogliera non lontano dal centro di Manfredonia. Il caso fu etichettato come il primo femminicidio mediatico ma la sua risoluzione, resa possibile anche grazie al lavoro della polizia Scientifica, alzò il velo su un orrore ancora più grande. Ad uccidere Giusy a colpi di pietra, fu il cugino del padre, Giovanni Potenza, un uomo più grande, che aveva una moglie e dei figli piccoli, di cui la vittima però si era innamorata con quell'ingenuità e libertà propria delle adolescenti.
12/7/202115 minutes, 22 seconds
Episode Artwork

L'omicidio di Valeriano Poli: vent'anni per trovare l'assassino

Era la sera del 5 dicembre 1999 quando alla Foscherara, un quartiere diBologna, Valeriano Poli - buttafuori di 34 anni - veniva ucciso con ottocolpi di pistola. L'uomo accusato del suo omicidio, Stefano Monti, fuarrestato quasi vent'anni dopo. Ad incastrarlo, le macchie di sangue sullescarpe della vittima e un nuovo accertamento partito nel 2017 dopo lariapertura del caso. A chiudere il cerchio, le verifiche della poliziaScientifica che ha utilizzato, per la prima volta in Italia in ambitoforense, l’innovativa tecnica di comparazione tridimensionale: l'Analysisof Virtual Evidence o il cosiddetto teatro virtuale.
11/30/202122 minutes, 4 seconds
Episode Artwork

Violenza al Torrino, l'aggressore tradito da un'impronta

L'11 maggio nella Capitale accade qualcosa di brutale e terribile: la cuoca di una scuola paritaria del Torrino, quadrante sud della città, viene rapinata e violentata da un uomo in un bagno dell'istituto. L'aggressore era riuscito ad entrare nella scuola e a compiere il delitto facendo poi perdere le sue tracce. Due mesi dopo però, il 21 luglio, gli agenti di polizia bussano alla sua porta con un'ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip. A lui ci sono arrivati grazie ad un dettaglio: l'impronta di un solo dito lasciata su una bottiglia di whisky in un capanno non lontano dalla scuola. Come sono state condotte le indagini? E come quell'impronta, rinvenuta dalla Scientifica, ha portato a quello che gli investigatori chiamano il "match"? Ce lo racconta Pamela Franconieri, dirigente della IV Sezione della Squadra Mobile di Roma, che ha condotto e chiuso le indagini a carico di un nigeriano di 30 anni.
11/23/202127 minutes, 27 seconds
Episode Artwork

Tracce, i dettagli che risolvono un caso

Ogni azione porta a una conseguenza e non c'è nulla che non si possa ricostruire. Che sia un efferato omicidio o una brutale aggressione, la scena di un crimine ha sempre molto da raccontare per chi sa leggerla ed ha anche gli strumenti per farlo. Negli anni le evoluzioni delle forze dell'ordine hanno portato ad "affinare" gli strumenti di ricerca ed analisi e così quelle tracce - frammenti di impronte o Dna - si possono leggere con maggiore precisione. Si può arrivare a quello che gli investigatori chiamano "match" e risalire al colpevole. Con questa serie di podcast i protagonisti saranno loro: le tracce per l'appunto e i racconti di chi le ha trovate, sapute leggere ed analizzare. Un viaggio alla scoperta dei grandi casi ma anche di quelli apparentemente secondari. Perché se c'è una vittima a questa bisogna dare giustizia. Con i racconti di chi sui quei casi ha lavorato, che svelerà quanto i "dettagli" siano poi quelli capaci di fare sempre la differenza.
11/16/20219 minutes, 8 seconds